Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca Qui per ulteriori informazioni.

progetto "Scegli il logo della biblioteca" - 2017/18 IT Oriani Faenza classi 2A e 2B graf:

 

Il progetto si pone l’obiettivo di restituire piena funzionalità ed efficienza alla biblioteca dell’ITCG Oriani di Faenza, attraverso un lavoro sinergico di studenti e docenti per verificare la consistenza del fondo e la schedatura completa.
Nell’arco di cinque anni si prevede di riesaminare tutto il posseduto, realizzando nel frattempo una serie di iniziative di avvicinamento alla lettura.
 
Più che un progetto, dunque, il lavoro costituisce un itinerario didattico, utile a perseguire alcuni degli obiettivi di apprendimento previsti dalle indicazioni nazionali e rilevati come necessità anche dal nostro Istituto.
Le attività previste per quest'anno sono cominciate con 4 ore di formazione per i docenti di lettere e contestualmente la prof.ssa Annunziata Trivisone, docente di grafica del nostro Istituto, ha fatto elaborare alla 2A e 2B del corso di grafica le proposte di logo per la biblioteca. 
Questa esperienza è stata utilissima per trasferire ai ragazzi competenze tecniche e progettuali, in più le competizioni stimolano e ancor di più se sono legate all'ambiente scolastico, perché accrescono il senso di appartenenza.
Fra lunedì 11 e mercoledì 13 si è svolta nella classi la votazione nelle classi. Sono stati gli studenti stessi a scegliere.
Da gennaio una volta che avremo stampato il logo vincitore sul materiale utile per la schedatura, cominceremo con le prime il lavoro di nuova schedatura sui libri e per tutte le altre classi comincerà la gara di lettura su testi in parte cartacei e i parte reperibili liberamente in rete. A fianco del libro fisico dunque i ragazzi sperimenteranno la ricerca sul web delle tante risorse che esso propone, sperimentando appieno la dimensione della letteratura quale potere immateriale così come Umberto Eco ci ha tante volte ricordato. 
 
 
Il logo vincitore: